Ma allora il Trampling cos’è?

Prendo spunto da una conversazione intavolata su un post in rete, dove alla mia naturale propensione di considerare sempre possibile vivere nuove esperienze di calpestamento mi è stato risposto in una maniera che ritengo concettualmente sbagliato e fuorviante. La persona con cui mi sono interfacciato ha conversato in questa direzione: essere calpestato “gratis” è molto difficile mentre posso realizzarmi con le “Mistress” a pagamento.

– Primo punto. Io non ho neanche accennato a tutto questo ma ho espresso il mio desiderio di Trampling come un piacere profondo e totalizzante.
– Secondo punto. Se mi è stato risposto in questo modo ritengo che la stragrande maggioranza di chi scrive o legge non considera minimamente una passione di questo genere inserito all’interno delle normalissime passioni che tutti abbiamo nella vita.
– Terzo punto. Chi scrive questo vorrebbe rilegarmi tra coloro che hanno delle storture mentali e può solo trovare piacere pagando altre persone per raggiungere il suo scopo.
– Quarto punto. Si aggiunge un altro scrivente che mi consiglia di frequentare Munch e serate BDSM per trovare “miei simili”.

Facciamo il punto.
Come ho risposto a queste storture concettuali se due persone qualsiasi si incontrano una sera e decidono di andare a letto insieme per un’esperienza sessuale che li aggrada sono normali o diversi rispetto a me? Dove sta la differenza di due persone che vogliono esprime la sessualità in questo modo ed io che cerco una calpestatrice? Forse nel mio caso la ragazza lo farebbe quasi in costrizione, giocata psicologicamente, e quindi l’unico appagato da questa esperienza ne uscirei solo io? Visto che la pratica si esegue in due, ma anche con più persone, non è difficile pensare che il piacere della pratica possa interessare passionalmente tutti, ognuno per il suo ruolo? Cosa c’è di diverso da due che vanno a letto dove anche lì c’è un uomo, una donna o un omosessuale dominante, a seconda di come conducono il gioco? Perché io devo passare per sfigato in cerca di elemosina quando, per esperienza personale e conoscitiva, di ragazze che troverebbero questa pratica un’esperienza giocosa e appassionante ce ne sono che neanche si immagina?

L’unico limite è il nostro carattere e la capacità di aprirci al prossimo. Quando si ha davanti una persona seria e corretta non dovrebbero esserci ostacoli all’approfondimento di qualsiasi cosa.
Ho voluto scrivere di questo perché è chiaro che molti hanno un’immagine distorta e mi farebbe piacere riconsiderare la questione dal corretto approccio. IL SALOTTO, luogo esplicito privato che ho arredato a Mazara del Vallo, ha la finalità di liberare il pensiero che confina molte persone, anche per altre passioni, nel ghetto delle mostruosità.

Visits: 25

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *